.

.

.

.

.

 

 

 

 

 

 

Home Freccetta
Diving Center Freccetta
Activity  
Equipments Freccetta
Team Freccetta
News Freccetta
Contact Freccetta
Sitemap Freccetta
Links Freccetta
Faq Freccetta
   
Corsi Freccetta
Escursioni Freccetta
Spedizioni Freccetta
Assistenza Turistica Freccetta
Opportunita' di Lavoro Freccetta
Promozioni Freccetta
Fotosub Freccetta
Videosub Freccetta
Archeosub Freccetta
Protezione Civile Freccetta
Salvaguardia e Tutela Freccetta
Ambiente Freccetta
Styli Valley Mystic  
   
La Cattolica Freccetta
La Chiesa dei Domenicani Freccetta
San Giovanni il vecchio Freccetta
Fra Tommaso Campanella Freccetta
La Citta' del Sole  
Simbologia Nascosta Freccetta
I Petri N'castunati Freccetta
La Piramide Freccetta
   
 
 

LA CITTA' DEL SOLE

    Il trattato filosofico La Citta' del Sole ebbe una prima pubblicazione in latino, dal titolo Civitas solis idea reipublicae philosophichae, presso Francoforte nel 1623, e una seconda a Parigi nel 1637.

 

Ritratto Tommaso Campanella

   
  Lingua Italiano
  Lingua Inglese

LA CITTA' IDEALE

 

   L’opera e il disegno utopico di una citta' ideale, scritta sotto forma di dialogo filosofico tra un cavaliere dell’ordine degli Ospitalieri di San Giovanni in Gerusalemme, e un “Genovese nocchiero del Colombo”, che narra del suo arrivo all’odierna isola di Sumatra, chiamata Taprobana, e della sua partenza per la Citta' del Sole, fondata da genti provenienti dalle Indie, che scelsero di vivere “alla filosofica in commune”.


    La citta' sorge su di un’altura ed e divisa in sette gironi, chiamati con il nome dei pianeti; a essa si accede attraverso quattro porte, situate nei quattro punti cardinali. Nella sua parte alta o acropoli vi e un tempio circolare, sul cui altare e situato un mappamondo. Il capo e un Principe Sacerdote (Sole o Metafisico), col quale collaborano principi minori come Pon, ovvero Potesta, Sin, ovvero Sapienza, Mor, ovvero Amore, che si sono suddivisi le varie mansioni (ad esempio Amore si prende cura della procreazione, dell’educazione, della salute...) e hanno diversi “offiziali” atti a eseguire i loro ordini (ad esempio da Sin dipendono “l’Astrologo, il Cosmografo [...], il Loico, il Rettorico, il Grammatico [...], il Morale”).


    Nella citta' non esiste il concetto di proprieta': la sua assenza impedisce che l’avidita' prenda piede e che l’amore comune per il lavoro e la patria sia soppiantato dall’amor proprio.

    Tutti ricevono la stessa educazione in tutte le arti e viene eletto Principe Sacerdote o Sole chi risulta perfetto nell’esercizio delle cognizioni apprese, con particolare attenzione al sapere filosofico, essenziale per l’arte del buon governo.

    I figli, la cui nascita e limitata per evitare il sovraffollamento della citta', sono educati in comune e, essendo comune anche l’uso delle stanze e delle cucine, i giovani devono servire gli anziani, portando loro rispetto.

    Soprattutto e assolutamente inesistente qualsiasi discriminazione di classe, essendo la nobilta' d’origine sostituita con una di natura morale e filosofica.

    Importante e altresi' l’esercizio fisico, secondo i dettami dell’antichita', atto a forgiare forti guerrieri. Poco in uso e invece il commercio, mentre sia la navigazione, sia l’agricoltura sono tenute in grande stima e quest’ultima permette un’alimentazione naturale.

    Nella citta' sono assenti le prigioni, perche' superflue, cosi come poche ed essenziali sono le leggi, essendo la vita regolata da una religione molto simile a quella cristiana, grazie alla quale si crede nell’immortalita' dell’anima e nell’efficacia della preghiera: per questo si onorano Dio e i corpi celesti, ma soprattutto il sole.


 

 

 

 

 

 

 

rfttttttttttttttttttttttttttttt