.

.

.

.

.

 

 

 

 

 

 

Home Freccetta
Diving Center Freccetta
Activity  
Equipments Freccetta
Team Freccetta
News Freccetta
Contact Freccetta
Sitemap Freccetta
Links Freccetta
Faq Freccetta
   
Corsi Freccetta
Escursioni Freccetta
Spedizioni Freccetta
Assistenza Turistica Freccetta
Opportunita' di Lavoro Freccetta
Promozioni Freccetta
Fotosub Freccetta
Videosub Freccetta
Archeosub Freccetta
Protezione Civile Freccetta
Salvaguardia e Tutela Freccetta
Ambiente Freccetta
Styli Valley Mystic  
   
La Cattolica Freccetta
La Chiesa dei Domenicani Freccetta
San Giovanni il vecchio Freccetta
Fra Tommaso Campanella  
La Citta' del Sole Freccetta
Simbologia Nascosta Freccetta
I Petri N'castunati Freccetta
La Piramide Freccetta
   
 
 

FRA TOMMASO CAMPANELLA

    T. Campanella, grande filosofo, preannunziava, audacemente, molte verita' che i tempi nostri resero patrimonio comune e sicura affermazione del pensiero filosofico.

 


   
  Lingua Italiano
  Lingua Inglese

NATO A STILO NEL 1568

 (Stilo, RC, 1568 - Parigi, 1639)

    Campanella continuato quel singolare movimento naturalistico che, riattaccandosi ad alcuni indirizzi della speculazione greca dal VI al IV secolo (Pitagora, Senofane, Eraclito, Anassagora ), e, collegandosi con altri, determinatisi nel secolo XV in Italia (Valla, Cusano, Cardano, Patrizzi), preannunziava, audacemente, molte verita' che i tempi nostri resero patrimonio comune e sicura affermazione del pensiero filosofico, specialmente in Francia, in Inghilterra e in Germania. Nato a Stilo, in Calabria, nel 1568, Tommaso Campanella entro' nell’ ordine dei Domenicani quando era ancora molto giovane, ma, a causa delle sue idee in fatto di religione, si ritrovo ben presto nel mirino degli inquisitori, dai quali fu accusato di eresia e rinchiuso in carcere a Roma, nello stesso periodo di Giordano Bruno. Nel 1599 torno' in Calabria, dove tento di organizzare una insurrezione contro il dominio spagnolo e di gettare le basi per una profonda riforma religiosa. Campanella vagheggiava una grande riforma politico - spirituale che sanasse la frattura luterana e ricostruisse l’ impegno universale. Modello della "renovazion del secolo", la Citta' del Sole si ispira alle analoghe utopie politiche di Platone. I solari vivono in una repubblica "naturale" retta da un re-sacerdote. La concezione Campanelliana della politica, fondata su una visione etico-religiosa e cosmico-magica, cioe insieme naturalistica e astrologica, si oppone decisamente al macchiavellismo e ai teorici della ragion di stato rivelando quell’ intreccio di nuovo e antico che caratterizza interamente tutta la sua opera. Subi' un terribile processo con supplizi e torture, e si salvo' dalla condanna a morte fingendosi pazzo. Anche in questa occasione fu arrestato e condannato, ma riusci a salvarsi il suo presunto stato mentale non pote, pero evitargli il carcere: rimase rinchiuso per 27 anni, durante i quali trovo la forza per continuare a scrivere, specialmente di filosofia. Fu proprio durante la prigionia che compose un’ opera dedicata a Galileo, del quale apprezzava incondizionatamente ( e pericolosamente ) il lavoro e il pensiero. Dovette in mezzo a sofferenze e privazioni, riuscire tuttavia a far giungere la sua protesta e le sue idee riformatrici a papi, imperatori e sovrani. Fu infine liberato nel 1629 grazie all’intercessione di papa Urbano VIII, ma, dedicatosi immediatamente alle sue battaglie in favore di Galileo e dell’autonomia della scienza e contro il governo spagnolo, fu costretto nel 1634 a ripiegare in Francia, dove venne accolto con favore da Luigi XIII e dal cardinale Richelieu che gli diedero la protezione che sperava, ospitandolo nel convento domenicano di Parigi. Qui, persa ogni speranza di rientrare in patria, trascorse gli ultimi anni di vita, continuando a sostenere i suoi ideali e appoggiando come consigliere politico la monarchia francese.

    Campanella espose le sue idee sulla natura, la fede e il destino dell’umanita in numerose opere, alcune di natura piu prettamente filosofica, come Philosophia sensibus demonstrata (1591), Metaphisicarum rerum iuxta propria dogmata, (1603 e 1609-11) e Del senso delle cose e della magia (1604), altre di stampo storico-politico quali Monarchia di Spagna del 1600, e l’opera sua piu famosa, La Citta' del sole del 1602, utopistico disegno di uno stato teocratico e rivoluzionaristico. Scrisse anche di letteratura con la Poetica italiana (1596), dalla quale derivo una Poetica latina (1612). Di grande rilievo sono poi le Poesie filosofiche, pubblicate in parte nel 1622 e in parte postume, che, scritte negli anni bui del carcere, in uno stile rozzo, tormentato e duro, sprigionano un’alta tensione drammatica nell’appellarsi a Dio per sopportare i momenti piu terribili e raggiungono una liricita sofferta che le situa al primo posto nella poesia del Seicento.

    Il trattato filosofico La Citta' del Sole ebbe una prima pubblicazione in latino, dal titolo Civitas solis idea reipublicae philosophichae, presso Francoforte nel 1623, e una seconda a Parigi nel 1637. L’edizione italiana, pubblicata integralmente soltanto nel 1904, era stata composta nel carcere di Napoli nel 1602.